19.7 C
Roma
mercoledì, Luglio 17, 2019
Home Reumatologia e Immunologia

Reumatologia e Immunologia

Polimialgia reumatica (PMR)

Definizione: la polimialgia reumatica (PMR) è una sindrome infiammatoria caratterizzata da intenso dolore e rigidità generalmente ai cingoli scapolare e pelvico (radici degli arti)...
dish

DISH – Diffuse Idiopathic Skeletal Hyperostosis

La DISH (Diffuse Idiopathic Skeletal Hyperostosis), conosciuta anche come Malattia di Forestier, viene considerata una forma di artrite degenerativa, caratterizzata dalla abbondante osteogenesi che...

Lupus

Il Lupus è una malattia cronica, di natura autoimmune, relativamente rara ed a genesi ignota. La malattia colpisce più di frequente le donne (rapporto di 2:1, nella forma cutanea di Lupus e di 9:1 in quella sistemica); soprattutto nell’età compresa fra la II-III decade e la V decade. Si tratta di una autograssione operata da parte dei linfociti B che aggrediscono le proteine del self, in particolar modo DNA ed istoni. Il primum movens di una tale autoimmunità è ad oggi ignoto. E' testimoniata un'iperreattività linfocitaria anche attraverso il riscontro delle molecole di superficie: HLA-D e CD40L.
artrite reumatoide

Artrite Reumatoide (AR)

Artrite reumatoide - Definizione è una poliartrite simmetrica e periferica (mai assiale), che porta ad erosione dell’articolazione con distruzione dell’osso e della cartilagine (deformità). Artrite reumatoide...
Sindrome Sjogren

Sindrome di Sjogren

Sindrome di Sjogren - Definizione La sindrome di Sjogren è una patologia cronica  autoimmune  (mediata da autoanticorpi), caratterizzata dalla distruzione di ghiandole esocrine Distinguiamo una forma...
fenomeno di raynaud

Fenomeno di Raynaud

Note storiche: Il fenomeno di Raynaud prende nome dal medico francese Maurice Raynaud (1834-1881), il quale lo identificò nelle località più fredde a nord...
ipereosinofilia

Ipereosinofilia

Forte aumento del numero degli eosinofili nel sangue periferico. Il valore normale del numero di eosinofili circolanti nel sangue periferico è < 350/ml o mm3, con livelli diurni che variano in maniera inversa al livello di cortisolo plasmatico; il picco si ha nella notte e il minimo nel corso della mattina. Lo sviluppo di eosinofilia ha le caratteristiche di una risposta immune: un primo contatto determina una risposta primaria con livelli relativamente bassi di eosinofili, mentre ripetuti contatti inducono una risposta eosinofila aumentata o secondaria. Nota. Fattori che riducono il numero degli eosinofili: farmaci: b-bloccanti, corticosteroidi, lo stress infezioni batteriche e virali.

Altri Articoli

Non perdere le migliori app per medici aggiornate al 2017
Vai alla lista

Ci segui già sui social?