Posturologia Simone Loiodcie

Problema “posturologico”? Quando pensarci

Posturologo Simone Loiodice Corato

La sindrome da deficit posturale (SDP) è definita da Henrique Martins da Cunha come un “insieme di segni clinici causati un’alterazione dell’equilibrio tonico, oculare e posturale secondaria ad un deficit che colpisce il sistema propriocettivo e il sistema delle informazioni visive”. Il più delle volte i segni sono ben tollerati e compensati, ma se non trattati per tempo, la disfunzione può evolvere in senso peggiorativo. Il paziente, a causa della natura disparata e la variabilità di sintomi, rischia di ricevere trattamenti non efficaci o adeguati.

posturologia Dislessia Simone Loiodice

Quali sono i sintomi più comuni?

Emicrania muscolo-tensiva, exoforia, diplopia, vertigini, intolleranza alle lenti progressive, dolori cervicali, dorsali o lombari o sospetto di difficoltà di apprendimento nei bambini (dislessia, disgrafia, disortografia, disattenzione e iperattività), perdita di senso dell’orientamento.

Ci sono 3 principali quadri clinici che inducono a considerare la necessità di un trattamento posturale:

  1. Dolori muscolari e muscolo-scheletrici cronici, migratori e senza substrato anatomico o biologico. L’insufficienza di convergenza oculare e la conseguente diplopia (visione doppia), ne sono un esempio.
  2. Sensazioni vertiginose, soprattutto post-traumatiche, quando la valutazione neurologica e otorino-laringoiatrica non ha mostrato alcuna lesione.
  3. Disturbi di apprendimento, dislessia e aprassia gestuale o visuo-spaziale.
Pubblicità

La SDP può essere una condizione funzionale molto debilitante, che mette in difficoltà il paziente nel normale svolgimento delle attività quotidiane. È necessario, ovviamente, escludere qualsiasi malattia organica prima di considerare un trattamento “posturologico”.

Quando sospettare una sindrome da deficit posturale?

Il quadro clinico del SDP è altamente polimorfico e il paziente potrebbe avere 3 tipi di segni corrispondenti alle 3 funzioni principali del sistema posturale:

  • Alterazioni del tono muscolare che causano anomalie posturali e dolori muscolari. Torcicollo frequente, mal di schiena ricorrenti (lombalgia), dolori muscolari diffusi e migratori, stanchezza cronica, asimmetria tonica e atteggiamento scoliotico sono i sintomi principali.
  • Anomalie nella localizzazione spaziale sono all’origine dei disturbi pseudo-vertiginosi. Il soggetto si sente goffo, sbatte su ostacoli semplici (es. stipiti delle porte), ha l’impressione di essere instabile sui suoi piedi, è demofobico (difficoltà a stare in luoghi affollati) o rapida alternanza di luce e ombra (percorrendo una strada alberata, per esempio), mal d’auto, sostiene di avere la sensazione di “non essere in sintonia” con il suo ambiente quando si muove o muove parte del suo corpo.
  • Anomalie percettive causa di problemi cognitivi: difficoltà di concentrazione, impressione di leggere o ascoltare senza capire, impressione di non vedere bene quando si legge (saltare delle parole, sbagliare il ritorno a capo riga).

Diagnosi di Sindrome da Deficit Posturale (SDP)

La sua diagnosi si fonda su un trittico costituito da:

  • assenza di ogni legame con una malattia ad eziologia chiaramente definita;
  • l’esistenza clinicamente oggettivabile di asimmetrie toniche anormali (test di Fukuda, test dei rotatori dell’anca, …)
  • i valori alterati delle registrazioni del soggetto in posizione eretta su una piattaforma di forza (tavola stabilometrica)
  • Non corretta percezione di sè (dispropriocezione)
  • Non corretta localizzazione spaziale

Una nuova applicazione della Posturologia: TRATTAMENTO DI DISLESSIA

Grazie agli studi condotti in Francia, dalla collaborazione tra il reparto di oftalmologia del CHU di Digione, Unité Inserm «Motricité Plasticité» dell’Università di Borgogna e il Centro di Investigazione Clinica della Facoltà di Medicina di Digione, si è arrivati alla conclusione che il trattamento propriocettivo/posturologico nei bambini dislessici offre risultati molto promettenti (miglioramenti medi del 114% nella velocità di lettura e un aumento del 88% nella comprensione del testo scritto).

Postura scorretta Simone Loiodice

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerapia del Glaucoma Cronico: Dai colliri alla chirurgia
Articolo successivoCavità e fosse craniche
Nato il 01/04/1992 a Corato (BA). Laureato in "Ortottica ed Assistenza Oftalmologica" presso l’Università degli studi ‘G. d’Annunzio’ di Chieti – Pescara nella clinica oftalmologica diretta dal professor Leonardo Mastropasqua, discutendo la tesi con titolo "RISCHIO INFETTIVO DELLE LENTI A CONTATTO: IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE E L’EFFICACIA DEI DISINFETTANTI", con relatore Dott. Stefano Palma. Ha conseguito con Lode il master universitario di I livello, presso l’università di Bologna Alma Mater Studiorum, in “Posturologia: percezione e movimento”. Perfezionato sul DryEyes Syndrome, sul Digital Eye Strain (DES) o “affaticamento dell’occhio digitale” e sui danni legati ad un uso scorretto del makeup occhi.