Guida sicura vista

Il 60% degli incidenti stradali avviene per cause legate alla vista ma solo il 23% degli italiani, quando entra in auto, considera il ‘vederci bene’ una priorità

E’ quanto emerge dalla ricerca ‘Vista e guida sicura 2017′ condotta dall’Istituto Edra in collaborazione Andrea Giani, specialista in oftalmologia e ricercatore dell’Università degli Studi di Milano.

Il lavoro, condotto che ha coinvolto un campione di oltre 1.500 persone, conferma la tendenza che stima tra il 20% e il 60% gli incidenti legati alla vista in Italia, che è fanalino di coda della classifica Ue sulla sicurezza stradale con quasi 4 mila morti sulle strade.

Dati emersi dallo studio

Per gli italiani, i disagi visivi più invalidanti alla guida sono legati a:

  • Abbagliamento dei fari degli altri veicoli
  • Visuale limitata
  • Sole forte

Le principali difficoltà invece sono:

  • Guida Notturna
  • l’ingresso/uscita dalle gallerie (Passaggio dalla Luce al Buio) in orari diurni

Vademecum per una guida sicura

  1. Visite oculistiche regolari (anche per chi non utilizza occhiali) per valutare l’efficienza visiva e lo stato di salute degli occhi.
  2. Utilizzare occhiali da sole con lente polarizzata non falsi (che non offrono alcuna protezione dai raggi UV – per approfondire: http://medmedicine.it/articoli/news-medicina/occhio-danni-raggi-uv)
  3. Corretta manutenzione degli occhiali da vista e da sole

Requisiti visivi per una guida sicura

  • ottima acuità visiva: le patologie dei diottri oculari (cornea, cristallino, vitreo) o della retina (legate a patologie sistemiche quali il diabete) riducono l’acuità visiva senza possibilità di correzione mediante occhiali o lenti a contatto. è importante la prevenzione in questi casi. 
  • buona sensibilità al contrasto
  • ampio campo visivo: patologie come il glaucoma riducono il campo visivo diminuendo la sicurezza alla guida
  • una visione stereoscopica (percezione della profondità)
  • la corretta visione dei colori, l’abbagliamento, una buona visione notturna. (Con l’età l’adattamento al buio diminuisce e si riduce la percezione visiva della retina).

Requisiti visivi per il conseguimento della patente

Il codice della strada riporta i requisiti visivi necessari per il rilascio ed il rinnovo della patente di guida.

Per le patenti del gruppo I (AM,A, B, BE, BS) possono essere abilitati sia i soggetti con visione binoculare che monoculare.

I soggetti con visione monoculare devono raggiungere una acuità di almeno 8/10 nell’occhio residuo, con eventuale correzione ottica. La correzione può essere di qualsiasi valore diottrico.

I soggetti con visione binoculare devono possedere una visione complessiva di almeno 7/10 con non meno di 2/10 con l’occhio peggiore. Nel caso, si possono utilizzare lenti di qualsiasi valore diottrico e non ha importanza la differenza tra le due lenti.

 

Bibliografia

  1. http://salute24.ilsole24ore.com/articles/20085
  2. http://sasicurezzaeambiente.blogspot.it/2017/07/il-60-degli-incidenti-stradali-avviene.html
  3. http://www.ilgiornale.it/news/incidenti-poca-vista-974158.html
  4. http://www.aci.it/archivio-notizie/notizia.html?tx_ttnews%5Btt_news%5D=897&cHash=a387150bc3949712b24dae5e125b09d4
  5. http://www.repubblica.it/motori/sezioni/attualita/2017/07/10/news/quando_si_guida_occhio_alla_vista_-170214996/
  6. https://www.rinnovopatenti.it/news/2017/04/02/rinnovo-patente-requisiti-della-vista
CONDIVIDI
Articolo precedenteMuscoli della Gamba
Nato il 16/07/1987 a Terlizzi (BA). Maturità scientifica conseguita nel 2006 presso il Liceo Scientifico O. Tedone - Ruvo di Puglia (BA) con voti 100/100. Laureato con lode in Medicina e Chirurgia nel 2012, presso l'Università degli Studi 'G. d'Annunzio' di Chieti-Pescara, discutendo la tesi in oftalmologia con titolo 'STUDIO IN MICROSCOPIA CONFOCALE IN VIVO DELLE GHIANDOLE DI MEIBOMIO NEL GLAUCOMA' con relatore, Prof. Leonardo Mastropasqua. Corsista di Medicina Generale in Puglia da dicembre 2013 ad agosto 2015. Attualmente Specializzando in Oftalmologia presso l'Azienda Consorziale del Policlinico di Bari.