Guida sicura vista

Il 60% degli incidenti stradali avviene per cause legate alla vista ma solo il 23% degli italiani, quando entra in auto, considera il ‘vederci bene’ una priorità

E’ quanto emerge dalla ricerca ‘Vista e guida sicura 2017′ condotta dall’Istituto Edra in collaborazione Andrea Giani, specialista in oftalmologia e ricercatore dell’Università degli Studi di Milano.

Il lavoro, condotto che ha coinvolto un campione di oltre 1.500 persone, conferma la tendenza che stima tra il 20% e il 60% gli incidenti legati alla vista in Italia, che è fanalino di coda della classifica Ue sulla sicurezza stradale con quasi 4 mila morti sulle strade.

Dati emersi dallo studio

Per gli italiani, i disagi visivi più invalidanti alla guida sono legati a:

  • Abbagliamento dei fari degli altri veicoli
  • Visuale limitata
  • Sole forte

Le principali difficoltà invece sono:

  • Guida Notturna
  • l’ingresso/uscita dalle gallerie (Passaggio dalla Luce al Buio) in orari diurni

Vademecum per una guida sicura

  1. Visite oculistiche regolari (anche per chi non utilizza occhiali) per valutare l’efficienza visiva e lo stato di salute degli occhi.
  2. Utilizzare occhiali da sole con lente polarizzata non falsi (che non offrono alcuna protezione dai raggi UV – per approfondire: http://medmedicine.it/articoli/news-medicina/occhio-danni-raggi-uv)
  3. Corretta manutenzione degli occhiali da vista e da sole

Requisiti visivi per una guida sicura

  • ottima acuità visiva: le patologie dei diottri oculari (cornea, cristallino, vitreo) o della retina (legate a patologie sistemiche quali il diabete) riducono l’acuità visiva senza possibilità di correzione mediante occhiali o lenti a contatto. è importante la prevenzione in questi casi. 
  • buona sensibilità al contrasto
  • ampio campo visivo: patologie come il glaucoma riducono il campo visivo diminuendo la sicurezza alla guida
  • una visione stereoscopica (percezione della profondità)
  • la corretta visione dei colori, l’abbagliamento, una buona visione notturna. (Con l’età l’adattamento al buio diminuisce e si riduce la percezione visiva della retina).

Requisiti visivi per il conseguimento della patente

Il codice della strada riporta i requisiti visivi necessari per il rilascio ed il rinnovo della patente di guida.

Per le patenti del gruppo I (AM,A, B, BE, BS) possono essere abilitati sia i soggetti con visione binoculare che monoculare.

I soggetti con visione monoculare devono raggiungere una acuità di almeno 8/10 nell’occhio residuo, con eventuale correzione ottica. La correzione può essere di qualsiasi valore diottrico.

I soggetti con visione binoculare devono possedere una visione complessiva di almeno 7/10 con non meno di 2/10 con l’occhio peggiore. Nel caso, si possono utilizzare lenti di qualsiasi valore diottrico e non ha importanza la differenza tra le due lenti.

 

Bibliografia

  1. http://salute24.ilsole24ore.com/articles/20085
  2. http://sasicurezzaeambiente.blogspot.it/2017/07/il-60-degli-incidenti-stradali-avviene.html
  3. http://www.ilgiornale.it/news/incidenti-poca-vista-974158.html
  4. http://www.aci.it/archivio-notizie/notizia.html?tx_ttnews%5Btt_news%5D=897&cHash=a387150bc3949712b24dae5e125b09d4
  5. http://www.repubblica.it/motori/sezioni/attualita/2017/07/10/news/quando_si_guida_occhio_alla_vista_-170214996/
  6. https://www.rinnovopatenti.it/news/2017/04/02/rinnovo-patente-requisiti-della-vista
CONDIVIDI
Articolo precedenteMuscoli della Gamba
Articolo successivoTeleangectasie idiopatiche maculari o iuxtafoveolari
Nato il 16/07/1987 a Terlizzi (BA). Laureato con lode in Medicina e Chirurgia nel 2012, presso l'Università degli Studi 'G. d'Annunzio' di Chieti-Pescara. Attualmente Specializzando in Oftalmologia presso l'Azienda Consorziale del Policlinico di Bari.