…e anche quest’anno è la fine dell’anno e come ogni anno: buon anno!

 

Cari medmedicineiani,

nella lettera a Babbo Natale del 2012 una proverbiale tirata d’orecchio va a quelli che: ‘…MedMedicine? Si lo uso! Dare un feedback?!…mmm anche no’, siete proprio italiani, scusate (senza offesa, lo sono anch’io); un ‘clap clap’ fragoroso a chi c’ha creduto (ed in tempi non sospetti): Laura Erminia Venezia, Serena Manfreda, Mirko Barone e Fabio De Cecco…forse l’Italia non è destinata ad essere un paese per vecchi (dentro e fuori)…

E poi ‘haters gonna hate’ (carbone a pioggia per loro e fischiantina d’orecchie per noi).

E grazie a chi, a sua volta, ci ringrazia, grazie di cuore. Grazie x 1000. Ed in anticipo a quanti vorranno unirsi alla lista del ‘chi siamo’.

Pubblicità

Insieme abbiamo imparato che lo studio non significa solo studiare, ma imparare a studiare: ovvero condividere.

 

Perchè quello che tu non sai, diventi uno spunto per sapere, e non un alibi per ignorare.

All’indifferenza non si risponde con l’indifferenza, miei cari, ma col suo opposto: la passione, la vostra…e la nostra.

Se la legge non ammette ignoranza, figuriamoci la Medicina.

 

Il vero esame lo fa il paziente!

 

Vogliamo sapere tutto quello che avete da dirci, e dirvi tutto quello che sappiamo.

Se tanto è stato fatto altrettanto resta da fare; ma il saggio dice che la strada giusta la si riconosce perchè è in salita.

Buon anno? Lo si dovrebbe dire sempre alla fine dell’anno…’buon anno’ non è solo un augurio, per noi è un impegno…facciamo che lo sia, un buon anno.

Restate sempre studenti

 

Silvio Maddalena per MedMedicine

CONDIVIDI
Articolo precedenteArterite temporale di Horton (o arterite a cellule giganti)
Articolo successivoSpecializzazione in area medica: Concorso nazionale dal 2014
Silvio Maddalena nasce a Campobasso il primo di Giugno del 1987; si diploma presso l'Istituto Liceo Classico M. Pagano, con il massimo dei voti. Studia e si forma presso l'Ateneo G. D'Annunzio Chieti-Pescara, da cui si laurea con lode nell'Ottobre del 2012, presentando una tesi in Neurologia ('Anomalie elettroencefalografiche nel Mild Cognitive Impairment: valore predittivo per lo sviluppo della Demenza a Corpi di Lewy'), sotto l'ala del chiarissimo Professore Marco Onofrj.