13.7 C
Roma
venerdì, novembre 24, 2017
Home Autori Articoli di Dr. Rossella Di Bastiano

Dr. Rossella Di Bastiano

16 ARTICOLI 0 COMMENTI
Classe 1987, si diploma ad Avezzano, presso l'Istituto Liceo Classico Alessandro Torlonia con il massimo dei voti; studia e si forma presso l'Ateneo G. D'Annunzio Chieti-Pescara, laureandosi con lode nel Luglio del 2012 con tesi in Radiodiagnostica . Attualmente frequenta la specializzazione di Radiologia presso il policlinico di Modena.
Con 'effetto Mozart' ci si riferisce ad una controversa teoria scientifica nata nel 1993 in seguito ad un famoso esperimento condotto dai fisici Gordon Shaw e Frances Rausher, e pubblicato sulla rivista scientifica Nature, con il titolo " Prelude or requiem for the Mozart effect". Stando ai risultati di questo studio, l'ascolto della musica mozartiana è in grado di produrre un miglioramento delle noste abilità cognitive...
Con malattie polmonari interstiziali si definisce un gruppo di patologie molto eterogeneo che interessa principalmente l'interstizio polmonare, struttura che può essere considerata come lo "scheletro " del polmone e che provvede al supporto delle vie aeree e dei vasi polmonari a partire dall'ilo fino alla periferia, al livello della pleura viscerale.Pur essendo meno frequenti rispetto alle patologie polmonari ostruttive, rappresentano un' importante causa di malattia polmonare cronica e spesso , essendo la loro eziologia spesso sconosciuta, sono difficili da trattare.
I tumori ossei possono essere distinti in tumori primitivi, relativamente rari, con un incidenza in Italia pari a un caso su 100.000 abitanti, e in tumori secondari o metastatici, nettamente più frequenti dei precedenti, derivanti soprattutto da neoplasie polmonari e mammarie. I tumori ossei primitivi vengono distinti in tumori benigni e maligni;entrambi vengono classificati in base alla natura delle cellule che predominano nel tumore. Quando ci si trova di fronte ad un sospetto di neoplasia ossea si deve, prima di tutto, cercare di capire se si tratta di una neoplasia primitiva o metastatica e se, in caso li lesione primitiva, questa sia benigna o maligna. Per arrivare alla diagnosi finale ci si avvale di dati clinici (età del soggetto, sede della lesione, sintomi clinici) e strumentali (radiografia, tomografia computerizzata, risonanza magnetica )
I tumori cerebrali primitivi sono neoplasie relativamente rare con un'incidenza in Europa pari a 5 casi ogni 100.000 abitanti .Sono responsabili del 2 % di tutte la morti per cancro in Europa.Le manifestazioni cliniche sono conseguenti all'effetto massa (per la non espandibilità della scatola cranica) e comprendono cefalea, alterazioni del visus con diplopia o riduzione del campo visivo, nausea con vomito a getto, comparsa di crisi epilettiche ,turbe motorie e sensitive. In questo articolo ci concentreremo sugli aspetti radiologici di queste neoplasie e sul ruolo che il radiologo ha nella loro diagnosi.
Con opacità polmonare si intende l'alterazione , più o meno diffusa , della radiotrasparenza polmonare con comparsa di una zona radioopaca ovvero "più bianca " rispetto al polmone adiacente.
Le bronchietasia sono dilatazioni anormali e permanenti di rami bronchiali, conseguenti ad alterazioni della struttura delle loro pareti. L'esatta incidenza è difficile da determinare perché il riconoscimento è legato alle complicanze settiche delle dilatazioni , quindi le forme non complicate possono passare del tutto inosservate.

Altri Articoli

Non perdere le migliori app per medici aggiornate al 2017
Vai alla lista

Ci segui già sui social?