crescita emangioma infantile

Emangioma Infantile – definizione e caratteristiche

L’emangioma infantile è il tumore benigno (non canceroso) della pelle molto comune facente parte delle cosidette Malformazioni Vascolari anche note come Angiodisplasie (sono errori nel processo di formazione del sistema vascolare durante la vita fetale). In questo gruppo ricadono Malformazioni Capillari, Venose, Linfatiche, Artero-Venose, Fistole Artero-Venose o combinazioni di questi sottotipi. L’emangioma infantile colpisce tra il 3% e il 10% della popolazione.

Crescita di un emangioma infantile

Gli emangiomi infantili possono raramente essere presenti sin dalla nascita (come una macchia rossa tenue) o possono comparire nei primi mesi dopo la nascita e crescere rapidamente, anche più velocemente rispetto allo sviluppo del bambino. Nel corso del tempo vi può essere un processo involutivo che può richiedere anche diversi anni.

Gli emangiomi infantili sono anche noti come “macchia di vino di Porto“, “emangioma a fragola“.

Classificazione degli emangiomi infantili

Gli Emangiomi Infantili solitamente iniziano a crescere (rapidamente) nelle prime settimane di vita ed appaiono rossi. Possono essere suddivisi in:

  • Emangiomi Infantili superficiali (55% dei casi), spesso descritti come emangiomi “a fragola”, si presentano come tumefazioni di colore rosso acceso.
  • Emangiomi Infantili profondi (15% dei casi): si presentano come tumefazioni sottocutanee di colore normale o bluastra.
  • Emangiomi Infantili misti (25-35% dei casi) che sono una combinazione di entrambi i componenti: superficiali e profondi.

Gli Emangiomi Infantili possono essere inoltre segmentali ossia coinvolgere un’ampia regione anatomica con aspetto “a carta geografica”; sono tipicamente a più alto rischio di complicazioni, in particolare ulcerazione e possono essere associati ad anomalie dello sviluppo.
Quando multipli, gli Emangiomi Infantili vengono detti, multifocali , mentre se si estendono lievemente senza il coinvolgimento di una intera regione anatomica vengono detti indeterminati.

Emangioma Infantile – diagnosi

Sebbene ad oggi l’inquadramento e la gestione clinica delle anomalie vascolari rimangano di natura polispecialistica (Chirurgo Vascolare, Radiologo, Radiologo Interventista, Cardiologo, Neonatologo e Pediatra), è proprio il dermatologo pediatra la figura fondamentale.

Punti cardine nella raccolta anamnestica

  1. La lesione era presente già alla nascita? (generalmente, come detto, le lesioni vascolari sono presenti alla nascita, mentre gli Emangiomi Infantili più frequentemente compaiono successivamente)
  2. La lesione si è inspessita?
  3. La lesione ha cambiato colore? (dato che gli Emangiomi Infantili involvono, il colore può modificarsi dal rosso scuro-violaceo al rosso chiaro con aree biancastre di regressione, invece le Malformazioni Vascolari sono più stabili come comportamento, non tendendo all’involuzione)
  4. Il bimbo ha presentato altri problemi dalla nascita? E’ nato prematuro? (è possibile che gli Emangiomi Infantili si associno a problematiche sistemiche risultando anche più frequenti nei nati prematuri)
  5. Si sono presentate problematiche sulla lesione, come ulcerazione o sovrainfezione? 

Esami diagnostici

L’ecocolordoppler effettuato da esperto (trattandosi di un esame operatore dipendente) è diagnostico.

Eccezionalmente è necessario effettuare una biopsia (prelievo in sedazione profonda) per una migliore caratterizzazione. La biopsia è l’esame che permette di distinguere Emangiomi Infantili da altre tumefazioni vascolari e non.

La risonanza magnetica (RM) visualizza organi e apparati sfruttando un campo magnetico e impulsi di onde radio. Specialmente indicata per valutare il rapporto dell’emangioma con le strutture profonde adiacenti.

Bibliografia

Emangioma.net, sito di riferimento a livello nazionale http://emangioma.net/

Centri di riferimento a livello nazionale: http://emangioma.net/centri-di-riferimento/

Prof. Pietro Mortini: http://www.pietromortini.com/areas/malformazioni-vascolari-ed-emangiomi/?lang=it

Buzzoole

CONDIVIDI
Articolo precedenteSindrome di Budd-Chiari
Articolo successivoFori e canali del cranio: damnatio memoriae
Diplomatosi presso il Liceo Scientifico "O. Tedone" di Ruvo di Puglia(Ba) è attualmente iscritto al quarto anno del C.d.L. in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Chieti e Pescara "G. d'Annunzio". Appassionato di nuove tecnologie, programmazione e comunicazione si occupa della gestione tecnica della piattaforma MedMedicine. Social: Facebook, Twitter, Google+