apnee ostruttive nel sonno

Apnee Ostruttive – Definizione

la ‘sindrome  apnee ostruttive nel sonno’ è caratterizzata da ripetute e transitorie interruzioni o riduzioni del flusso respiratorio durante il sonno. OSAS = Obstruction Sleep Apnea/Hypopnee Syndrome

Si definisce apnea una interruzione del flusso aereo di almeno 10 secondi.

 

Apnee Ostruttive – Eziologia

Queste interruzioni o riduzioni (ipopnee) del flusso aereo, di almeno 1 minuto,  sono dovute alla completa o parziale chiusura delle vie aeree superiori e sono a loro volta responsabili di brusche cadute della saturazione arteriosa di O2 e ipercapnia

 

Fattori di rischio

  • russamento
  • sesso
  • obesità (BMI > 29)
  • alterazioni vie aeree e cranio faciali

Apnee Ostruttive – Fisiopatologia

durante il sonno l’ipotono della muscolatura faringea comporta un aumento delle resistenze delle vie aeree superiori (questa resistenza è maggiore nei soggetti obesi a causa dell’adipe). Questo comporta apnea (soprattutto nella fase REM o “sonno leggero”) con un aumento dello sforzo respiratorio sino all’arousal (un brusco alleggerimento del sonno, non avvertito come risveglio, caratterizzato da iperventilazione, tachicardia e aumento Pa).

Durante l’apnea si ha ipercapnia e ipossia che stimolano i recettori cerebrali.

 

 

 

 

 

 

Apnee Ostruttive – Segni e sintomi

notturni

Diurni

  • Russamento:  lo sforzo respiratorio causa arousal
  • Episodi di cessazione del respiro con ripresa rumorosa della normale ventilazione => Frequenti risvegli o micro risvegli con sensazione di soffocamento
  • Nicturia, talvolta enuresi
  • Sonnolenza diurna: comporta un aumento degli incidenti automobilistici
  • Difficoltà ad affrontare le attività della vita quotidiana
  • Cefalea mattutina (prevalente localizzazione frontale che si risolve durante la giornata) come conseguenza dell’ipossia notturna sul circolo cerebrale
  • Disturbi dell’umore e della libido (sino all’impotenza) -> verosimilmente per ridotta produzione di testosterone

 

Complicanze

  • ictus
  • angina ed infarto miocardico
  • IR cronica

 

Apnee Ostruttive – Diagnosi

  • Polisonnografia: EEG + elettrooculogramma dx e sx + flusso aereo + movimenti toracici e addominali + saturazione ossiemoglobina + elettromiogramma sottomentoniero + Pressione arteriosa (Pa)
  • monitoraggio notturno cardiorespiratorio con sistema ridotto per l’intera notte

 

introduciamo 2 concetti:

  1. AHI = Indice di apnea + ipopnea (Apnea Hypopnea Index), corrispondente a numero di apnee + ipopnee per ora di sonno.
  2. ODI = Indice di eventi di desaturazione di O2 (Oxygen Desaturation Index), ovvero il numero di eventi di desaturazione di O2 per ora di sonno

 

OSAS Criteri di gravità e di refertazione dell’esame polisonnografico:

  1. AHI < 20 -> OSAS lieve
  2. AHI tra 20 e 30 -> OSAS moderato
  3. AHI > 30 OSAS grave
  4. AHI > 60 OSAS grave

 

  • Desaturazione di grado lieve: valore medio di desaturazioni non inferiori al 90% di SaO2
  • Desaturazione di grado moderato : valore medio delle desaturazioni inferiori al 90% di SaO2 ma > 85 % di SaO2
  • Desaturazioni grave: valore medio delle desaturazioni  < 85% di SaO2

 

Apnee Ostruttive – Terapia

  1. riduzione di peso negli obesi
  2. ventilazione a pressione positiva continua
  3. eventuale terapia chirurgica per asportazione polipi nasali

 

Segue un’intervista al Dottor Lambertoni:

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa malattia di Kawasaki
Articolo successivoAcalasia
Nato il 16/07/1987 a Terlizzi (BA). Laureato con lode in Medicina e Chirurgia nel 2012, presso l'Università degli Studi 'G. d'Annunzio' di Chieti-Pescara. Attualmente Specializzando in Oftalmologia presso l'Azienda Consorziale del Policlinico di Bari.