Idrosadenite – Definizione

L’idrosadenite suppurativa o Malattia di Verneuil è un quadro clinico descritto per la prima volta nel 1839 da Velpau, ma fu Aristide Auguste Stanislas Verneuil che nel 1854 scoprì la causa della patologia che oggi porta il suo nome.

L’idrosadenite suppurativa (descritta anche come acne inversa), è una patologia che interessa le ghiandole apocrine, elettivamente localizzate a livello delle pieghe del corpo. In particolare, è dovuta ad un’occlusione dell’infundibolo, una porzione specifica del follicolo pilifero.

 

Idrosadenite – Epidemiologia

 

Da un punto di vista epidemiologico è interessante rilevare che l’idrosadenite suppurativa interessa circa il 4% delle donne, le quali possono presentare anche una fase mestruale di durata maggiore e un ciclo mensile più breve, migliora durante la gravidanza e peggiora dopo il parto. Probabilmente, alcune influenze ormonali, sebbene non ancora identificate, influiscono sul decorso della malattia che può causare forti ripercussioni psicologiche e sociali per il paziente.

Pubblicità

 

Idrosadenite – Eziologia

 

Tra le piodermiti ghiandolari, l’idrosadenite suppurativa si caratterizza come un’infezione suppurativa e cicatriziale delle ghiandole apocrine, con localizzazione nelle regioni ascellare, anogenitale e a livello del capillizio.

Ricordiamo che le ghiandole apocrine sono caratterizzate da una porzione secernente, localizzata in profondità nel derma, simile ad un gomitolo, e da un piccolo canale lineare, chiamato dotto escretore, che si immette nell’infundibolo pilifero per drenare sulla superficie cutanea il secreto ghiandolare.

Dopo la pubertà, in alcuni soggetti si assiste all’occlusione dell’infundibolo con conseguente mancato drenaggio del secreto sulla pelle che si accumula nella ghiandola che si rigonfia e s’infiamma, favorendo la formazione di noduli dolorosi. La patologia tende ad evolversi con la creazione di fistole, drenando un materiale siero-purulento sulla pelle; segue infine una fase di cicatrizzazione, determinando la comparsa di tessuto anelastico, simile ad un cordone duro e depresso rispetto alla pelle sana.

L’agente patogeno è stato identificato nello Staphylococcus aureus. Ma si riscontrano casi in cui, grazie all’esame a fresco e alla colorazione di Gram, si è dimostrata la presenza di altri microrganismi, quali Streptococcus, E.coli, Proteus e Pseudomonas.

idro1

 

 

 

 

 

 

 

 

Idrosadenite – Segni e sintomi

 

Nella fase iniziale, si ha la comparsa di noduli ipodermici duri e dolenti, ricoperti da cute normale. Tale processo può regredire spontaneamente o evolvere verso uno stadio di tipo ascessuale, con drenaggio esterno di materiale siero-purulento, cute arrossata e ulcerata. Un esito cicatriziale ipertrofico è sempre presente alla guarigione.

idro2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Idrosadenite – Diagnosi

 

La diagnosi è essenzialmente clinica, ma trova spesso un necessario e valido correlato nell’esame istologico, là dove si evidenziano la rottura dei dotti apocrini con conseguente infiltrazione di polimorfonucleati neutrofili nel centro e alla periferia della ghiandola.

 

Idrosadenite – Diagnosi differenziale

 

Nella fase più precoce è importante distinguere l’idrosadenite suppurativa dal foruncolo, dal favo, dalla cisti o dalla linfoadenite; nella fase tardiva, a seconda delle sedi interessate, si procederà alla diagnosi differenziale con il linfogranuloma venereo, lo scrofuloderma, l’actinomicosi.

 

 

Idrosadenite – Terapia

 

Si basa sull’impiego di antibiotici (eritromicina o clindamicina) e antisettici per via generale. Nelle forme recidivanti o croniche, è indicato l’impiego dell’antibiogramma. Nelle forme resistenti alla terapia medica, si può ricorrere chirurgica occorre la terapia con il laser Nd-YAG o l’exeresi chirurgica.

 

 

Bibliografia

P.L. Amerio et Al., Dermatologia e Venereologia, Minerva Medica 2009;

P. Fabbri, C. Gelmetti, G. Leigheb, Manuale di dermatologia medica, Masson 2010

http://www.myskin.it/blog/malattia-di-verneuil-idrosadenite-suppurativa/

http://www.orpha.net/consor/cgi-bin/Disease_Search.php?lng=IT&data_id=2049&MISSING%20CONTENT=Idrosadenite-suppurativa&search=Disease_Search_Simple&title=Idrosadenite-suppurativa

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16634904

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22184715

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23106519

http://link.springer.com/article/10.2165%2F11631880-000000000-00000

http://escholarship.org/uc/item/5pc6t287