Definizione: la ‘sindrome  apnee ostruttive nel sonno’ è caratterizzata da ripetute e transitorie interruzioni o riduzioni del flusso respiratorio durante il sonno. OSAS = Obstruction Sleep Apnea/Hypopnee Syndrome

Si definisce apnea una interruzione del flusso aereo di almeno 10 secondi.

 

Eziologia: Queste interruzioni o riduzioni (ipopnee) del flusso aereo, di almeno 1 minuto,  sono dovute alla completa o parziale chiusura delle vie aeree superiori e sono a loro volta responsabili di brusche cadute della saturazione arteriosa di O2 e ipercapnia

 

Fattori di rischio: russamento, sesso, obesità (BMI > 29), alterazioni vie aeree e cranio faciali

Pubblicità

Fisiopatologia:  durante il sonno l’ipotono della muscolatura faringea comporta un aumento delle resistenze delle vie aeree superiori (questa resistenza è maggiore nei soggetti obesi a causa dell’adipe). Questo comporta apnea (soprattutto nella fase REM o “sonno leggero”) con un aumento dello sforzo respiratorio sino all’arousal (un brusco alleggerimento del sonno, non avvertito come risveglio, caratterizzato da iperventilazione, tachicardia e aumento Pa).

Durante l’apnea si ha ipercapnia e ipossia che stimolano i recettori cerebrali.

 

 

 

 

 

 

 

Segni e sintomi:

notturni

Diurni

  • Russamento:  lo sforzo respiratorio causa arousal
  • Episodi di cessazione del respiro con ripresa rumorosa della normale ventilazione => Frequenti risvegli o micro risvegli con sensazione di soffocamento
  • Nicturia, talvolta enuresi
  • Sonnolenza diurna: comporta un aumento degli incidenti automobilistici
  • Difficoltà ad affrontare le attività della vita quotidiana
  • Cefalea mattutina (prevalente localizzazione frontale che si risolve durante la giornata) come conseguenza dell’ipossia notturna sul circolo cerebrale
  • Disturbi dell’umore e della libido (sino all’impotenza) -> verosimilmente per ridotta produzione di testosterone

 

Complicanze: ictus, angina ed infarto miocardico, IR cronica

 

Diagnosi:

  • Polisonnografia: EEG + elettrooculogramma dx e sx + flusso aereo + movimenti toracici e addominali + saturazione ossiemoglobina + elettromiogramma sottomentoniero + Pressione arteriosa (Pa)
  • monitoraggio notturno cardiorespiratorio con sistema ridotto per l’intera notte

 

introduciamo 2 concetti:

AHI = Indice di apnea + ipopnea (Apnea Hypopnea Index), corrispondente a numero di apnee + ipopnee per ora di sonno.

ODI = Indice di eventi di desaturazione di O2 (Oxygen Desaturation Index), ovvero il numero di eventi di desaturazione di O2 per ora di sonno

 

OSAS Criteri di gravità e di refertazione dell’esame polisonnografico:

1)      AHI < 20 -> OSAS lieve

2)      AHI tra 20 e 30 -> OSAS moderato

3)      AHI > 30 OSAS grave

4)      AHI > 60 OSAS grave

 

Desaturazione di grado lieve: valore medio di desaturazioni non inferiori al 90% di SaO2

Desaturazione di grado moderato : valore medio delle desaturazioni inferiori al 90% di SaO2 ma > 85 % di SaO2

Desaturazioni grave: valore medio delle desaturazioni  < 85% di SaO2

 

Terapia: riduzione di peso negli obesi + ventilazione a pressione positiva continua  + eventuale terapia chirurgica per asportazione polipi nasali

 

Segue un’intervista al Dottor Lambertoni:

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa malattia di Kawasaki
Articolo successivoAcalasia
Nato il 16/07/1987 a Terlizzi (BA). Maturità scientifica conseguita nel 2006 presso il Liceo Scientifico O. Tedone - Ruvo di Puglia (BA) con voti 100/100. Laureato con lode in Medicina e Chirurgia nel 2012, presso l'Università degli Studi 'G. d'Annunzio' di Chieti-Pescara, discutendo la tesi in oftalmologia con titolo 'STUDIO IN MICROSCOPIA CONFOCALE IN VIVO DELLE GHIANDOLE DI MEIBOMIO NEL GLAUCOMA' con relatore, Prof. Leonardo Mastropasqua. Corsista di Medicina Generale in Puglia da dicembre 2013 ad agosto 2015. Attualmente Specializzando in Oftalmologia presso l'Azienda Consorziale del Policlinico di Bari.