neuriti ottiche

Neuriti Ottiche – Definizione

le neuriti ottiche sono infiammazioni generalmente monolaterali (possono evolvere in bilaterali) a carico del nervo ottico. Possono esser la manifestazione clinica di una patologia locale o sistemica.

Neuriti Ottiche – Anatomia patologica

Le neuriti ottiche possono essere classificate in:

  • Retro bulbari o NORB: inizialmente il fondo dell’occhio è normale, successivamente si osserva atrofia ottica
  • Anteriori o NOA: l’atrofia ottica è preceduta da papillite (edema infiammatorio della papilla ottica).
Neuriti ottiche anteriori: Papillite

 

 

 

 

 

 

Neuriti Ottiche – Eziologia

1) Neuriti ottiche demielinizzanti (Retrobulbari): La causa più frequente di neurite ottica demielinizzante è la sclerosi multipla (malattia demielinizzante), in cui essa rappresenta il sintomo d’esordio nel 30% dei casi. Inoltre il 100% dei pz con SM già diagnosticata svilupperà nel corso della malattia episodi di neurite ottica. Altre rare forme di neuriti ottiche demielinizzanti sono: Malattia di Schilder e la malattia di Devic.

Neuriti ottiche ischemiche: distinte in:

– anteriori (96%) (NOIA): riguardano le arterie ciliari posteriori e si distinguono in:

  • ipoperfusive: indici di flogosi normali
  • arterite di Horton: occlusione per processi autoimmuni delle arterie ciliari posteriori (vero e proprio infarto). Indici di flogosi aumentati. Tipicamente da interessamento BILATERALE e porta a cecità riconosciuta a livello legale.

– posteriori (4%)

2) neuriti ottiche in corso di diabete ed ipertensione, Lupus 

3) neuriti ottiche ereditarie: Leber

4) neuriti ottiche traumatiche

5) neuriti ottiche compressive: tumori, ad esempio meningiomi

6) neuriti ottiche voluttuarie: tabacco ed alcool

7) neuriti ottiche carenziali: Deficit B12 e tiamina

8) neuriti ottiche infiltrative: sarcoidosi

9) neuriti ottiche tossiche:

  • Chemioterapici: streptomicina, sulfamidici, cloramfenicolo, vincristina e metotrexate, anti-TBC (etambutolo, isoniazide)
  • Anti malattie reumatologiche: ciclosporina, clorochina
  • Amiodarone e digitale
  • monossido di carbonio, piombo
  • Radiazioni ionizzanti

10) Neuriti ottiche parainfettive:   infezioni virali, come il morbillo, la parotite, la rosolia, la pertosse e la febbre ghiandolare. Può inoltre far seguito a vaccinazione.

11) Neuriti ottiche infettive:  sifilide,  malattia di Lyme

 

Neuriti Ottiche – Segni e sintomi

  1. calo del visus: rapido o progressivo; si può arrivare anche alla mancata percezione della luce
  2. perdita campo visivo: tipicamente scotoma centro cecale, oppure scotoma arcuato
  3. Dolore perioculare/retrobulbare esacerbato dai movimenti (eccezione per le neuriti ischemiche)
  4. RAPD (relative afferent pupillary defect): la pupilla si dilata sotto illuminazione (eccezione per le neuriti tossiche/carenziali)
  5. Fotopsia: percezione di bagliori luminosi
  6. riduzione sensibilità al contrasto (difetto che può permanere anche dopo terapia e remissione della fase acuta)
Neuriti ottiche: scotoma centro-cecale

 

 

 

Neuriti Ottiche – Approccio diagnostico

  1. visita oculistica che non deve evidenziare patologie oculare ne opacità dei diottri.
  2. campo visivo
  3. Per proseguire l’iter diagnostico:
  • RM con gadolinio (con successiva consulenza neurologica): mostra tipicamente (ma non obbligatoriamente) l’infiammazione del nervo ottico (soprattutto se è retro bulbare)
  • PEV: evidenziano aumento periodo di latenza dell’onda P100. NB anche l’asimmetria dei PEV dei 2 nervi ottici è suggestiva di NORB.

 

Neuriti Ottiche – Terapia

dipende dall’eziologia. Uno degli approcci più utilizzati è quello basato sul cortisone (controverso).

Neuriti Ottiche – Prognosi

Nonostante si possa avere un miglioramento del VISUS dopo la terapia, può permanere una riduzione della sensibilità al contrasto.

 

Bibliografia

  1. ‘Oftalmologia clinica – 4 edizione – Editore Monduzzi, Autori: S. Miglior – L. Mastropasqua’
  2. http://www.fondazionebietti.it/sites/default/files/images/pdf_parisi/b-neuriti_ottiche.pdf
  3. http://www.la-sclerosimultipla.net/norb.php
  4. http://www.otticafisiopatologica.it/attachments/article/366/scheda_OF_marzo2012.pdf
CONDIVIDI
Articolo precedenteEdema maculare
Articolo successivoSclerodermia
Nato il 16/07/1987 a Terlizzi (BA). Laureato con lode in Medicina e Chirurgia nel 2012, presso l'Università degli Studi 'G. d'Annunzio' di Chieti-Pescara. Attualmente Specializzando in Oftalmologia presso l'Azienda Consorziale del Policlinico di Bari.