L’arteriopatia degli arti inferiori decorre in maniera asintomatica per molti anni. In seguito può aggravarsi la claudicatio fino alla comparsa di dolore a riposo. Infine il quadro clinico è dominato da lesioni ischemico-gangrenose a partenza distale.

L’arteriopatia cronica ostruttiva è distinta secondo la classificazione di Leriche Fontaine:
Stadio I: paziente asintomatico o paucisintomatico. La sintomatologia iniziale è rappresentata da senso di peso, freddo ed affaticamento delle estremità.

Stadio II: caratterizzato dalla claudicatio intermittens ovvero un dolore crampiforme riferito ai muscoli del polpaccio e/o della coscia. A seconda della comparsa del dolore in relazione alla distanza percorsa è possibile suddividere il II stadio in:
•IIa la claudicatio compare dopo aver percorso 200m
•IIb la claudicatio compare prima dei 200m A seguito del dolore il paziente è costretto ad arrestare la marcia per un tempo tanto più lungo quanto più grave e severa è l’ostruzione.

Stadio III: presenti dolori a riposo con interessamento prevalentemente di dita, piede e tallone. I dolori sono più forti di notte, quando il paziente è disteso. Per questo, spesso, mantiene l’arto pendente fuori dal letto o compie alcuni passi per alleviare il dolore.

Stadio IV: comparsa di lesioni gangrenose
a) limitate all’avampiede
b) lesioni prossimali

La gangrena può essere:
•secca >> se non vi è sovrapposizione batterica (mummificazione dei tessuti)
•umida >> con sovrapposizione batterica. Più severa rispetto al tipo precedente.

Pubblicità

Gangrena umida (nikeoti.it)

Gangrena secca (nikeoti.it)

Per approfondire l’arteriopatia cronica ostruttiva degli arti inferiori si rimanda al seguente link:

http://medmedicine.it/articoli/60-chirurgia-vascolare/claudicatio-intermittens-o-arteriopatia-cronica-ostruttiva-degli-arti-inferiori

CONDIVIDI
Articolo precedenteTest di Buerger
Articolo successivoBroncogramma aereo
Laureato con lode in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli studi "G. D'Annunzio" di Chieti-Pescara discutendo la tesi sperimentale in cardiologia: "Il significato prognostico delle modificazioni pressorie nei pazienti sottoposti a test ergometrico", relatore Prof. Raffaele De Caterina, corelatore dott. Alfonso Tatasciore. E' il fondatore di MedMedicine.